lunedì 11 marzo 2013

WEDDING: Wedding Suite rustico chic

Buongiorno amiche!
Come state? Qui un periodo intenso, ma sempre molto bello.
Quest'anno è iniziato e sta continuando con molti lavoretti, progetti e anche collaborazioni!
Ebbene si, oggi sono contenta di mostrarvi un progetto realizzato per "Mi sposo", uno speciale di "Case da sogno". Quando sono stata contattata per realizzare una partecipazione che le spose potevano realizzarsi da se sono stata entusiasta di accogliere la sfida. Ed eccovi quindi il risultato. Una partecipazione realizzata utilizzando la carta per confezionare i pacchi dal sapore rustico ma con un tocco chic che la rende un pò preziosa. Perfetta per un matrimonio accompagnato dai profumi della campagna, dal lino e dai colori della terra.

Se volete saperne di più sul progetto, ma soprattutto se volete tante idee e spunti per un matrimonio fai da te in tutti i suoi dettagli, in edicola troverete la risposta.
A presto amiche

28 commenti:

  1. Tantissimi complimenti, le tue idee sono davvero molto belle, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona grazie|Sei sempre gentilissima...bacissimi!

      Elimina
  2. Bellissima suite! Complimenti!
    Arianna

    RispondiElimina
  3. Il risultato è eccezionale, veramente sfizioso!!!

    Complimenti di cuore

    Tanti baci

    RispondiElimina
  4. Ciao, complimenti per la partecipazione, questo stile rustico chic mi piace tantissimo!
    Un abbraccio
    Cristina

    RispondiElimina
  5. rustico e chic ......mi piace moltissimo!!!
    Bravissima
    Elena

    RispondiElimina
  6. Questo blog è aperto a tutti, do sempre il benvenuto, ma come in ogni relazione civile, se si vuol dire qualcosa, in questo caso di infondato, è gradito che venga fatto da un nome e cognome e non da un anonimo in modo che io possa rispondere e se ne possa parlare :).
    Grazie!

    RispondiElimina
  7. Ciao Petit Rabbit, ogni tanto passo dal tuo blog per ammirare i tuoi lavori. Oggi, per caso, però ho notato nella blogroll di un'altra blogger una foto che rimandava a questo tuo post e sono venuta a curiosare perchè attirata da un'immagine che mi sembrava tanto familiare... ma proprio tanto, tanto...
    Non ho avuto torto, infatti la suite qui da te pubblicata assomiglia tantissimo ad un lavoro realizzato da una grafica per una coppia di sposi, circa un anno fa! Non voglio fare illazioni, ma mi la grande somiglianza, non mi sembra casuale. Mi auguro che ci possa essere una spiegazione valida a quella che non sembra una coincidenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela,
      sono già in fase di chiarimento con Valentina sperando che tutto si risolva al più presto.
      Non credere che questa situazione mi faccia piacere,tutt'altro...appena risolto, e spero presto, ti rispondo con più precisione.
      Nel frattempo spero non si scateni una caccia alla volpe. Non mi è mai capitata una cosa del genere e onestamente spero che tutti i lavori da me pubblicati siano già una prova che non mi manca il saper fare da me. Ma come accennavo prima intanto grazie per aver dato un nome al tuo commento.
      A presto

      Elimina
    2. Non è certo mia intenzione generare una caccia alla volpe... altrimenti non avrei pubblicato un commento direttamente al tuo post, consentendoti così di replicare e con tanto di firma ;) Non è infatti mia abitudine scagliare illazioni che possano nuocere al lavoro di altri, anzi, proprio il contrario ed è per questo che ho pensato di agire in questo modo, dandoti la possibilità di un chiarimento con chi ti segue! Presumo che altre strade che avrei potuto adottare (e che comunque non mi appartengono) non ti avrebbero consentito una replica. Mi dispiace per l'incresciosa situazione venutasi a creare e mi auguro che tu possa chiarire con la diretta interessata. Cordialmente

      Elimina
    3. Ciao Michela,
      Infatti apprezzo la tua educazione nell'avermi dato diretto di replica.
      Ciao!

      Elimina
  8. Ciao Michela posso permettermi di risponderti? mi chiamo Manuela e benvenuta qui a casa della mia amica petit rabbit:-)
    la somiglianza di cui parli è forse un font? un font utilizzato da milioni di grafiche americane a cui molte si ispirano? con molte intendo le più brave, le più sveglie a cogliere le tendenze. per fortuna ci sono tanti font gratuiti e a pagamento, e nessuno ha un copyright, quindi si è liberi di utilizzare quel font sempre e comunque. Logico che un font bello e particolare come questo può ricordare altre suite, italiane e soprattutto AMERICANE. Quindi io mi sento di fare i complimenti a lepetitrabbit per essere così brava da cogliere e interpretare le tendenze americane e complimenti a chi altri è capace di farlo!

    RispondiElimina
  9. Io le rovo deliziose, complimenti!
    Un abbraccio
    Serena

    RispondiElimina
  10. Solo una parola: ME RA VI GLIO SE!!! Complimenti davvero, sono di una raffinatezza rustica che adoro!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Io non credo si tratti semplicemente di avere le stesse fonti di ispirazione...credo sia proprio una copiatura sfacciata e senza grazia. Non c'è solo l'elemento del font, ma anche l'idea della bordura a contrasto...se messe vicine è impossibile non notare la somiglianza. pure l'uso della parola " si sposano". credo che sia normale ispirarsi...ma allo stesso tempo sarebbe più corretto citare le fonti di tale ispirazione e non far passare per propria l'idea avuta da altri.
    Stiamo per altro parlando di tendenze di quasi 2 anni fa....come dimostra il fatto che Cut and Paste ha pubblicato il post relativo alla stationary ad ottobre 2011....forse pensavi che nessuno se ne sarebbe accorto...
    io passo di qui spesso...e apprezzo il tuo lavoro, ma onestamente questa partecipazione non è opera tua e online c'è la prova.
    http://cutandpaste-lab.blogspot.it/2011/10/project-boho-natural-suite-01.html

    Rosa Paoletti

    RispondiElimina
  12. Ciao Rosa posso permettermi di farti notare delle cose?
    1 font a parte la somiglianza finisce
    Valentina utilizza del pizzo nessun cartoncino a contrasto, nessuna tag , nessuno spago, nessuna fustellatura. Se rifacessi questa suite utilizzando un font differente non noteresti somiglianze. Il fatto che le tendenze siano di ora, di un anno fa o ancora di più non credo sia rilevante, c'è chi si affaccia prima in questo mondo chi dopo. La stessa Valentina con molta eleganza trae spunto e ispirazione da prodotti americani che purtroppo da noi ancora sono poco conosciuti. Nessuna ha inventato questo font, nè ne ha l'esclusiva, nessuna ha inventato la carta kraft e ne ha l'esclusiva. Se così fosse sarebbe ben diverso. Mi fa tanto piacere leggere che passi spesso qui a casa della mia amica, perchè vuol dire che avrai imparato a riconoscere il SUO stile, e il suo genere creativo, che anche qui si rinnova. La frase "si sposano" é una cosa nuova? Originale? Esclusiva? Pensa io ho sempre scritto così mai frasi più formali se non si richiesta. Apprezzo la tia franchezza e mi scuso per averti risposto, ma conosco bene il piccolo coniglio e so con quanta passione e dedizione crea! CREA!!! Valentina è una bravissima grafica creativa come lo è il piccolo coniglio, ognuna riconoscibile nel proprio stile. Ció non toglie che ognuna sia libera di utilizzare materiali simili e metterci del proprio. Auguro a tutte buona giornata, in primis alla padrona di casa

    RispondiElimina
  13. Coniglietta che meraviglia!!! e complimenti per il lavoro su "Mi Sposo"!!
    quel rametto di rosmarino sembra quasi lasciare il suo profumo nell'aria nella mia aula grigia dell'università!
    passo sempre di qui e non lascio mai commenti, oggi mi sono soffermata colpita da tutti questi messaggi...
    sinceramente avevo già visto il lavoro di Cut and Paste, ma io non riesco a vedere uguaglianze se non nel font e nella scelta del kraft.
    non vedo copiature...se un font è tutto allora noi poveri universitari saremmo spacciati! sarebbe una lotta continua qui dentro, a chi ha il primato, a chi ha scelto un colore prima o a chi usa un linguaggio ispirato ad un architetto o altro prima di uno o un altro studente!
    Io sono un'amante dei dettagli, quelli belli, quelli che ti lasciano i ricordi più profondi e vedendo i due lavori a confronto non riesco a vederli uguali, non mi capacito neppure come una sposa potesse intercambiarli nelle sue scelte poichè hanno stili e caratteri diversi!
    vabbè ritorno al grigiore della mia stanza e al mio lavoro cartografico!
    buona giornata a tutti!!

    RispondiElimina
  14. Buongiorno a tutte.
    Grazie per essere passate ed aver lasciato i vostri commenti.
    Io ho dato le mie spiegazioni alla diretta interessata. Credo sia stato già detto tutto, nel "bene" e nel "male" e quindi chi passa di qui può farsi una sua idea. Ma come se si fosse in casa mia, perchè questa è un pò casa mia, lascio che una discussione nasca ma ad un certo punto quando la discussione si trasforma in polemica forse è il momento di fermarla e non alimentarla. Nei commenti sopra c'è già tutto, direi che va bene così.
    Vi auguro buona giornata

    RispondiElimina
  15. Cara Manuela, non pensavo che le petit rabbit avesse bisogno dell'avvocato. Noto per altro ora che non c'è scritto da nessuna parte come si chiama nella realtà. Questa è una mancanza perchè dal momento che vendi un prodotto dovresti metterci il nome e la faccia, come fanno la maggior parte delle persone che scrivono e commentano qui.

    Ad ogni modomi dispaice constatare che cerchi di arrampicarti sugli specchi, ma l'uso dello stesso font, della stessa inclinazione, dello stesso colore di carta (per altro mi vengono i brividi all'idea che la chiami kraft quando si vede lontano km che è carta da pacco), della stessa formula scritta, della stessa bordura (non cambia il concetto. anche se cambiano i materiali) rendono questa partecipazione copiata.
    sono sicura che qualsiasi persona se le vedesse una accanto all'altra noterebbe la somiglianza sfacciata.
    Guardando il blog di Valentina ho pure trovato questo link http://ohsobeautifulpaper.com/2011/10/giada-davides-kraft-paper-and-lace-wedding-invitations/
    non credo che un blog di fama mondiale come Oh so beautiful paper, pubblicherebbe un lavoro se fosse stato copiato da qualcuno, o se l'ispirazione fosse palese. Blog come questo fanno la tendenza e onestamente non si sbagliano ripetendo lo stesso prodotto due volte.
    Mi dispiace Manuela che tu non riesca a capire la gravità di un atteggiamento come questo...se tutti si mettessero a copiare o ad ispirarsi in maniera pesante...non ci sarebbe più originalità, che in un lavoro come questo credo sia di importanza vitale.
    trovo ridicolo cercare di giustificare questo comportamento dicendo che non c'è l'uso esclusivo dei materiali o dei font...immagino che il coniglio sia una tua amica e per questo di batti per lei...ma dentro di te lo sai che ha sbagliato, non posso credere che tu non ci veda a tal punto.

    Rosa Paoletti - mi firmo perchè non ho nulla da nascondere!

    RispondiElimina
  16. comodo chiuderla così.
    censurando i commenti firmati dimostri solo di essere dalla parte del torto.
    mi fai tristezza e non credo tornerò a trovarti.

    rosa paoletti

    RispondiElimina
  17. Buongiorno, sono la sposa che due anni fa ha avuto la fortuna di collaborare con Valentina per la creazione dei nostri inviti che ho pagato con l'idea di avere qualcosa di unico. Vorrei poterti contattare privatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao punto di rugiada. Mi chiamo chiara. Posso solo dirti che nel mondo delle spose c'è molto spesso chi paga per avere qualcosa di unico. In quel caso il venditore deve essere certo di poterti consegnare un prodotto creato appositamente per te. E credo che questo non sia possibile farlo con un free font a cui attingono migliaia di persone nel mondo.
      Se io fossi una sarta e tu mi avessi commissionato il vestito, e io avessi utilizzato un cartamodello esistente e disponibile a tutti, non avrei mai potuto prometterti "un'esclusiva" o come vogliamo chiamarla.
      Le tue partecipazioni erano bellissime e dalle tue parole si coglie che sei rimasta soddisfatta. Bene, goditi il ricordo del matrimonio e dei tuoi piacevolissimi inviti. Conosco Valentina e come lavora, conosco bene Giulia e so che nessuna delle due si sarebbe mai pestata i piedi a vicenda, semplicemente hanno molto gusto e hanno scelto lo stesso font (che ripeto è in circolazione da molto tempo), non credo sia il caso di dire altro. Ciao a tutte!

      Elimina
    2. Scrivo il mio primo e ultimo commento a questo post solo per una precisazione che esula un pochino dalla problematica discussa privatamente con Le Petit. In riferimento a quanto viene sostenuto da Chiara, il font, all'epoca del mio utilizzo, era a pagamento, ma se anche fosse stato gratuito, come lo è ora, nella similitudine della sarta, per me avrebbe rappresentato il tessuto o un bottone, non il cartamodello.

      Elimina
  18. Ciao scrivimi pure a
    lepetitrabbit@gmail.com

    RispondiElimina
  19. ti scrivo di nuovo...perchè davvero non ci posso credere che tu abbia la coscienza sporca a tal punto da censurarmi...
    davvero Giulia (sono andata a cercare il tuo nome sulla tua partecipazione di nozze), così facendo mi dimostri solo di aver davvero copiato da cut and paste....perchè altrimenti non ti nasconderesti dietro la censura.

    rosa

    RispondiElimina
  20. Buon pomeriggio,
    dato che qui mi si muovono pubblicamente delle accuse forti, eccomi qui a dire la mia.

    Spiegazione partecipazione:
    Se questa partecipazione fosse realizzata con un'altra font, il problema non ci sarebbe. Questa font, l’Affair, particolare, molto grafica ha un segno molto forte. Font che si può scaricare su internet. Che io come altri abbiamo deciso di utilizzare. La carta pacco è comune carta pacco acquistabile in cartoleria, economica, facilmente reperibile.
    Ho fustellato la partecipazione come faccio con quasi tutti i miei progetti, ho milioni di fustelle. Usato spago e creato una tag con cuore. Cosa che caratterizza anch’essa spesso i miei lavori. Ho usato una font calligrafica inclinata. Anch’essa tendenza sfruttatissima, visibile su molti siti, due anni fa, come oggi. In bianco, in nero, in marrone, in viola etc…
    Forse mi si può accusare di non aver fatto nulla di innovativo dato che ho usato cose a cui tutti volendo hanno accesso e non esclusive, va bene, ci sta. Ma plagio no.

    Censura:
    Ci tengo a dire che io non ho censurato, ho dato spazio a tutti, ho solo creduto che si stesse continuando a ripetere le stesse cose in modo anche accanito. Io non ho bisogno di un avvocato, così come credo non ne abbia bisogno Cut and Paste. Credo che entrambi “le parti” abbiano avuto chi è intervenuto a loro favore.
    Ho messo il filtro ai messaggi non perché con la coda di paglia, ma perché credo sia stato dato a tutti il modo di dire la propria, nel bene e nel male.
    C’è la cronistoria, ci sono i nomi, i link…insomma tutto. Non ho censurato nessuno, anzi tutto ciò che si può leggere sopra dimostra che sono equa. Ma come ogni cosa, quando da parere, discussione si passa ad accanimento, trovo lecito che in “casa mia” sia io a moderare le cose. Non è un forum o un salotto, è un blog in cui si può commentare. E io ho lasciato che si commentasse in ogni modo. Pubblico i commenti che mi sono arrivati in seguito alla mia scelta di stamani, perché trovo corretto che se io dico la mia adesso, siano pubblicati anche i precedenti. Ma poi basta. Basta a questo modo di fare qui. Se avete qualcosa da dirmi o scrivermi potete farlo a questa mail: lepetitrabbit@gmail.com in modo che io possa rispondere senza dover continuare a dare spettacolo. Ah dimenticavo…visto che qui sopra mi si dice di non aver mostrato il mio volto e nome, se blogger mi permette di farlo evidentemente posso farlo. Non è certo un nascondersi è una scelta. In ogni caso senza andare a fare ricerche bizzarre tra i miei lavori, piacere mi chiamo Giulia, ho 32 anni.

    Avete avuto modo di dire le vostre, ho detto la mia.
    Chiudo qui questa cosa diventata assurda e resto disponibile tramite mail.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

From my IG profile